OKSalute.it
Senza categoria

Coronavirus, dalla saliva un tampone ultrarapido

Tampone dalla saliva:ha superato tutti i test previsti dal ministero della Salute.

L’azienda ‘Allum’ di Merate (Lecco), rende noto che ha realizzato un tampone che in tre minuti riesce a dare il risultato di positività o negatività dal coronavirus semplicemente da un campione di saliva. Oltretutto fanno sapere in una nota che il tampone in questione ha “superato i test per l’approvazione da parte del Ministero della Salute. Non solo, ma che sono pronti a partire con la produzione. Addirittura dichiarano dall’azienda, che hanno la capacità di produrre 20 milioni di tamponi, in grado di rilevare immediatamente la presenza o assenza del coronavirus. Per la Allum si tratta di un vero e proprio salto in un altro settore di attività. Difatti passano dal realizzare sistemi di illuminazione, alla produzione di tamponi.

TEST di massa

Un test che sarà molto utile per controllare immediatamente un grande afflusso di persone. Pensiamo agli aeroporti, alle stazioni, nelle aziende. Difatti è un mezzo che può contribuire a “far ripartire settori fermi dal marzo scorso”. Come evidenziano nella nota diffusa dall’Associazione Api (Associazione piccole e medie industrie della provincia di Lecco e Sondrio). “In Italia non esiste nessuna soluzione di questo tipo, la Allum è la prima a realizzarlo”, spiegano.


Come funziona il tampone salivare
Il test ultrarapido è stato chiamato daily tampon. Esso fornisce il risultato attraverso delle striscette. Si preleva un campione di saliva dal soggetto con un cotton-fioc. Si appoggia il cotton-fioc sul tampone e in soli tre minuti, con l’impiego contemporaneo di tre reagenti, il tampone ci fornisce il risultato. Il risultato è positivo se compaiono due strisce. Negativo se compare una sola striscia.
Un esame che si potrebbe usare in moltissimi contesti. Pensiamo alle scuole, agli ospedali, nei trasporti. I teatri, il turismo. Ma anche per far “tornare ad avere il pubblico in settori che sono fermi, o costretti a operare ‘a porte chiuse’, come ad esempio lo sport o la musica”. Con un approccio, tra l’altro, non invasivo e meno indaginoso. Ed anche conveniente da un punto di vista dei costi. Il prodotto, tengono a sottolineare, ha un prezzo inferiore all’attuale tampone: “Costa meno della metà di quelli che vengono attualmente utilizzati”.

Post correlati