OKSalute.it
Ortopedia

Tendiniti, Borsiti e dolori muscolari

Dolori tendinei e muscolari

I dolori muscolari e tendinei sono eventi che si possono verificare non solo tra gli sportivi, ma anche durante semplici attività quotidiane e lavorative .

Essi sono la conseguenza di piccoli colpi (microtraumi), infatti , di attività professionali che sono caratterizzate da gesti ripetitivi. Per esempio i parrucchieri che usano le forbici sempre con le stesse modalità. Oppure da attività sportive, anche amatoriali, come il calcio, la ginnastica o il tennis.

Tendiniti

I muscoli e i tendini sono tra loro interconnessi e mentre i primi generano la forza di movimento, i secondi sono le parti di trasmissione di tale forza.

Le patologie che si riscontrano più frequentemente a carico dei tendini sono le tenosinoviti.

Esse sono dovute a reazioni infiammatorie della guaina tendinea in seguito ad un insulto di tipo meccanico. I movimenti che si eseguono durante una tendinite sono dolorosi, perchè la guaina infiammata ne impedisce il corretto scorrimento.

Nel dito a scatto, per esempio, la guaina rimane cronicamente ristretta , tanto da impedire il naturale scorrimento del tendine. Fino a quando con uno scatto, si supera questo restringimento.

Nelle attività sportive tra le malattie tendinee dovute a piccoli traumi si deve menzionare le tendinosi del tendine d’Achille. Sono presenti soprattutto in chi pratica sport come la marcia o con scatti continui. L’infiammazione di questo tendine è la conseguenza, quindi, di un suo sovraccarico funzionale, che comporta una vera e propria degenerazione del tessuto tendineo. Fino a che è possibile che avvenga un totale cedimento tale da comportare la rottura del tendine. In questi casi la soluzione è quella chirurgica.

L’epicondilite, più conosciuta come “gomito del tennista”, è una infiammazione dell’inserzione muscolare o tendinea all’osso. Essa è provocata dalle ripetute sollecitazioni meccaniche, trasmesse dalla rigidità della racchetta alla zona di congiunzione muscolo-osso.

Paradossalmente, tale patologia è più frequente nelle casalinghe, forse dovuta ai ripetuti movimenti di torsione del gomito durante le attività domestiche.

La probabilità di riscontrare lesioni muscolari o ai tendini durante attività sportiva è molto più alta.

Le Borsiti

Nel caso delle borsiti l’origine traumatica è praticamente certa. Ne sono esempi la borsite a carico dell’apice del gomito e la borsite della spalla.

La borsite della spalla è una infiammazione causata dagli sfregamenti che si verificano tra i tendini della cuffia dei muscoli rotatori che ricoprono la testa dell’omero e l’estremità dell’osso della scapola detto acromion.

Il trauma, quindi, è prodotto dal continuo sfregamento di questa cuffia tendinea contro l’osso a causa dello spazio ristretto esistente in quest’area della spalla. La funzionalità della spalla ne risulta fortemente compromessa. A questo punto si ha come reazione l’infiammazione della borsa detta sottoacromiondeltoidea. Il dolore è intenso nello stato di riposo e si acuisce per ogni movimento anche involontario della spalla.

Dolori muscolari
Scopri come curare i dolori muscolari in modo naturale.

Come trattare il dolore

Nel caso di Tendinite o tenosinoviti il riposo è molto importante. In alcuni casi è consigliabile proseguire con un’immobilizzazione funzionale.

Nel caso di Borsite acuta della spalla bisogna applicare immediatamente sulla zona interessata una borsa di ghiaccio, o comunque qualcosa di freddo. Contemporaneamente è consigliabile immobilizzare la spalla anche con un semplice foulard.

Nel caso vi sia dolore bisogna ricorrere all’uso di farmaci antinfiammatori e antidolorifici.

Vi sono anche delle alternative naturali, che possono essere applicati localmente.

Eudoil è un prodotto naturale estremamente efficace. Basta applicare diverse gocce sulla parte dolente e massaggiare fino al suo completo assorbimento. Essendo Eudoil a base di oli essenziali naturali estremamente puri e concentrati, l’applicazione può essere ripetuta diverse volte nel corso della giornata. Ciò potrebbe consentire di evitare di assumere farmaci che possono dare effetti collaterali, o comunque di assumerli in quantità ridotta.

Post correlati