OKSalute.it
Oncologia Salute

Nuovo trattamento del tumore alla mammella

Trattamento del tumore alla mammella

Su The Lancet Oncology è stato pubblicato il risultato derivante dall’analisi di 140 studi in cui erano presi in esame i trattamenti effettuati su otre 50 mila pazienti affette da tumore alla mammella metastatizzato.

Ne è scaturito che ora una buona percentuale delle oltre 37mila pazienti italiane che vivono con la malattia in fase metastatica, possono essere trattate con una nuova combinazione di ormonoterapia e dei nuovi farmaci a bersaglio molecolare (inibitori di Cdk4/6), anziché con la sola ormonoterapia standard.

Il trattamento combinato, infatti, non solo è risultato vincente su qualsiasi regime chemioterapico adottato, ma ha raddoppiato la sopravvivenza libera da progressione della malattia, oltre che presentare una minore tossicità.

Lo studio è stato condotto e coordinato dai professori Mario Giuliano, dell’Università Federico II di Napoli, e Daniele Generali, dell’Università di Trieste, con la partecipazione di molti ricercatori italiani e stranieri.

La dr.ssa Lucia Del Mastro, responsabile della Breast Unit dell’Irccs ospedale Policlinico San Martino di Genova, spiega come

“la ricerca ha coinvolto pazienti in postmenopausa con la patologia metastatica, positiva per i recettori ormonali e negativa per il recettore Her2 (fattore umano di crescita epidermica). Si tratta di un sottotipo che include circa il 65% di tutti i casi metastatici”.

In queste pazienti, spiega il Prof. Mario Giuliano, dunque, si sta abbandonando sempre più l’impiego della chemioterapia, per adottare, in prima linea, la combinazione di diverse molecole a bersaglio molecolare con la terapia endocrina, che garantiscono, a parità di efficacia, una migliore qualità di vita grazie all’ottima tollerabilità.

Va sottolineato, conclude il Prof. Giuliano, che non viene meno l’importanza della chemioterapia, soprattutto nelle pazienti già trattate.

Post correlati

Lascia un commento