OKSalute.it
Malattie infettive Salute

Il morbillo malattia contagiosa. Come prevenirla

Morbillo prevenire il contagio

Il morbillo è una malattia molto contagiosa e infettiva, di origine virale.

Il virus del morbillo colpisce solo l’uomo ed è una malattia diffusa in tutto il mondo.

 I soggetti che possono essere colpiti sono coloro che non sono stati mai vaccinati o che non hanno mai contratto la malattia.

Oggi il pericolo di diffusione e morte per la malattia è diminuito grazie alla realizzazione di un vaccino efficace. Ma le morti per le complicazioni vanno dalle 30 alle 100 persone ogni 100.000.

Il morbillo come si trasmette?

In maniera diretta. Cioè attraverso tosse e starnuti provenienti da persone infette.

Infatti le finissime goccioline espulse entrano in contato con l’ambiente naso-bocca di un altro individuo, dove inizia la moltiplicazione del virus. Fino a che il virus non diventa abbastanza forte da poter invadere tutto l’organismo.

In maniera Indiretta. Ciò avviene quando si toccano e si manipolano oggetti dove si sono depositate le goccioline provenienti dalla tosse o dagli starnuti del soggetto infetto.

Questo perché il virus rimane vivo per qualche ora anche sugli oggetti, e poi con il successivo contatto con bocca e naso, si ha la trasmissione all’ospite.

Il Morbillo e le conseguenze

Il morbillo può portare delle conseguenze serie. A rischio ci sono bambini al di sotto dei 12 mesi, bambini denutriti, bambini soggetti a chemio o malati di AIDS, adolescenti e adulti.

Nelle donne in gravidanza non vaccinate e non immuni il morbillo potrebbe portare gravi complicazioni al feto, parti prematuri e addirittura a un aborto spontaneo. Quindi è importante che ai primi segni di infezione la madre si rivolga al medico e faccia tutti gli esami del caso.

Ma come ci accorgiamo di aver contratto il virus?

All’inizio si presenta con i sintomi di un banale raffreddore, ma poi nel corso di pochi giorni vedremo comparire sulla cute le caratteristiche macchie rosso bruno.

Quali terapie per il morbillo

Terapie specifiche per curare il morbillo non ne esistono, quello che si può fare è aspettare il decorso spontaneo della malattia e alleviare i sintomi con dei rimedi efficaci.

Per alleviare la febbre è buona norma assumere farmaci antinfiammatori e analgesici.

Bisogna bere molto per evitare la disidratazione da febbre alta.

Se il malato presenta fastidi agli occhi bisogna tenerli puliti con dei bastoncini di cotone e tenere la sua stanza in penombra per non affaticare la vista.

Importante però è anche evitare la diffusione del virus. Quindi è consigliato rimanere isolati in casa almeno fino alla scomparsa del rush cutaneo. Poiché la carica infettiva diminuisce di intensità allorquando cominciano a scomparire le bollicine.

Post correlati