OKSalute.it
Malattie croniche Patologie reumatiche Salute

Artrosi: cos’è?

Che cos'è l'artrosi

Con il termine artrosi, oppure osteoartrosi, si intende un processo degenerativo delle articolazioni.

Le articolazioni, come si deduce dalla stessa parola, non sono altro che delle strutture che permettono di “articolare” tutte le ossa vicine, l’una all’altra. Una sorta quindi di ponte di collegamento tra diversi segmenti ossei mobili. Questi sono provvisti di tessuti aventi diversa composizione che conferiscono ad esse una diversa funzione.

Ricordiamo fra i più importanti la membrana sinoviale e la cartilagine .

Artrosi prima e dopo

La membrana sinoviale consente la pulizia dell’articolazione attraverso il liquido sinoviale. E attraverso la produzione di alcune sostanze permette lo scorrimento delle superfici articolari .

La cartilagine, invece, ricoprendo le ossa, ha una funzione soprattutto di sostegno , aiutando a sopportare il carico esercitato sulle articolazioni durante il movimento.

Ecco perché il danno maggiore dell’artrosi si riscontra proprio a carico della cartilagine. E quindi i principali sintomi si avvertono quando il soggetto è in movimento.

L’artrosi è una malattia ad evoluzione cronica, colpisce in Italia oltre 3.000.000 di persone e rappresenta la causa di disabilità più frequente nella persona anziana.

Soggetti colpiti da artrosi in Italia
Statistiche suddivise per età e sesso, riguardante i soggetti colpiti da Artrosi in Italia.

Quali sono le cause dell’Artrosi?

I più importanti fattori di rischio:

  • La predisposizione familiare
  • Il sovrappeso e l’obesità
  • Le sollecitazioni causate dal movimento eccessivo, che provocano traumi o microtraumi
  • Le malformazioni
  • L’asportazione per l’artrosi del ginocchio (detta anche gonartrosi)
  • Le lussazioni o sublussazioni per l’artrosi dell’anca (detta anche coxartrosi).

Quali sono i segni e i sintomi dell’artrosi?

Il sintomo principale dell’artrosi è il dolore, che si avverte maggiormente quando il soggetto è in movimento ed è attenuato dallo stare a riposo. Allo stato iniziale il dolore dell’articolazione colpita è sordo, quasi silente, e si avverte solo dopo che l’articolazione è stata sottoposta ad una attività prolungata.

Col passare del tempo, il dolore si può manifestare anche solo in seguito a particolari atteggiamenti posturali sbagliati del proprio corpo. E’ raro che il dolore sia improvviso e molto forte.

Il dolore può essere accompagnato da una limitazione funzionale, nei casi di malattia allo stato iniziale, soprattutto di mattina o comunque quando si è stati per molto tempo a riposo ed inattivi. In questo caso il dolore è di breve durata, fra i 10 ed i 30 minuti, ed è localizzato all’articolazione coinvolta , a differenza delle artriti dove il dolore è generalizzato e può durare anche molte ore.

Evoluzione dell’artrosi e stadi degenerativi della cartilagine articolare

Fra i segni, quello più evidente è il gonfiore dell’articolazione interessata, che si presenta il più delle volte duro.

In caso vi fosse anche un versamento articolare di liquido sinoviale, il gonfiore al tatto si presenta molle. Si può avvertire anche un dolore in seguito ad una pressione esercitata sull’articolazione.

La cute che è a diretto contatto dell’articolazione dolente non è nè calda nè arrossata come avviene invece nelle artriti. Un altro segno dell’artrosi è il crepitio, un rumore che il paziente ascolta durante il movimento dell’articolazione interessata.

L’artrosi nei casi gravi, soprattutto nei soggetti affetti da gonartrosi (ginocchio) o coxartrosi (anca), oltre alla presenza del dolore si hanno difficoltà a svolgere alcune attività quotidiane come il vestirsi, lavarsi, salire e scendere le scale.

Dolore causato dall’artrosi

Diagnosi

La radiografia è senza dubbio l’esame più indicato per consentire una diagnosi e per una valutazione del grado di gravità dell’artrosi. Poco utili sono gli esami di laboratorio.

Terapia

La terapia dell’artrosi è principalmente rivolta al controllo del dolore ed alla riduzione dell’infiammazione, attraverso l’uso di farmaci specifici e di prodotti naturali da applicare localmente.

Post correlati

Lascia un commento