OKSalute.it
Malattie croniche Patologie reumatiche Salute

Artrosi del ginocchio

Artrosi al ginocchio

L’artrosi del ginocchio (o gonartrosi) è un processo degenerativo a carico delle due articolazioni: la femoro-rotulea, che collega il femore alla rotula, e la femoro-tibiale, che collega il femore alla tibia.

L’artrosi del ginocchio si riscontra frequentemente e risulta essere in molti casi invalidante, soprattutto quando ad essere colpita è l’articolazione femoro-tibiale in quanto più importante per la funzionalità del ginocchio.

Il dolore è presente sin dall’inizio e si avverte in sede anteriore o antero-mediale.

Soprattutto dopo una lunga inoperosità, come può essere al risveglio.

O dopo essere stati seduti per molto tempo.

Dolore che si attenua con il cammino.

Il dolore può manifestarsi anche per alcune posizioni posturali particolari. Come scendere e salire le scale. L’accovacciarsi e rialzarsi. Usare la pedaliera dell’auto. Oppure mettere le gambe a cavalcioni per diverso tempo.

Inizialmente il dolore può essere lieve ed interessare le zone periarticolari, e presentare un piccolo versamento di liquido in articolazione, con leggero gonfiore del ginocchio.

In seguito il dolore può estendersi a tutta l’articolazione, può essere avvertito anche di notte e presentare frequenti versamenti articolari, si riscontra una limitazione dei movimenti di flessione e di estensione forzata, con segni di scroscìo e dolorabilità dei legamenti periarticolari. La difficoltà a deambulare arriva solamente dopo molti anni.

Terapia

La terapia dell’artrosi del ginocchio è rappresentata dal controllo del dolore e dalla riduzione dell’infiammazione, attraverso l’uso di farmaci specifici (FANS) e di prodotti naturali da applicare localmente. Sono impiegati anche le infiltrazioni a base di cortisone (non più di 4 all’anno) e di cicli di acido ialuronico.

Bisogna inoltre che il paziente, qualora sia in eccesso ponderale, faccia una dieta che gli consenta di ridurre il proprio peso, e utilizzi se necessario tutori di appoggio e/o di contenimento.Per ciò che riguarda l’intervento chirurgico, esso può rappresentare una soluzione ottimale soprattutto quando le altre terapie hanno fallito, e la sofferenza e la difficoltà a camminare da parte del paziente è dominante.

Post correlati

Lascia un commento