OKSalute.it
Malattie croniche Patologie reumatiche Salute

Artrosi cervicale

Artrosi cervicale

La artrosi cervicale (detta anche cervicoartrosi) si può riscontrare nella maggior parte delle radiografie delle persone in età avanzata. Che possono lamentare una ridotta mobilità e/o dolori cervicali di modesta entità.

Però, l’elevata frequenza delle alterazioni radiografiche porta ad una valutazione esagerata della cervicoartrosi. Che viene così considerata responsabile di qualsiasi dolore cervicale.

L’artrosi cervicale è dovuta prevalentemente ad una compressione delle radici dei nervi cervicali, per la presenza di osteofiti o di ernia del tratto delle vertebre cervicali.

Il dolore (cervicalgia) è il sintomo più frequente. Che si propaga nel lato del braccio e/o della mano corrispondente alla radice dei nervi colpiti. Il dolore si avverte e si amplifica maggiormente durante la notte.

Insieme al dolore, si possono presentare anche dei formicolii (parestesie), come anche dei cambiamenti della sensibilità della mano o del braccio colpiti. Bisogna essere attenti, però, a non confondere i formicolii alla mano con la sindrome del tunnel carpale. Oppure la perdita del controllo degli arti inferiori senza perdita di coscienza. Quest’ultima, infatti, è dovuta ad una ridotta funzionalità dei vasi del collo che portano il sangue alla testa. Non bisogna neanche confonderli con la sindrome fibromialgica, che è caratterizzata da dolori presenti in molti punti del corpo e che colpisce soprattutto le donne.

Terapia

La terapia dell’artrosi cervicale nella maggior parte dei casi è rivolta soprattutto al controllo del dolore ed alla riduzione dell’infiammazione, attraverso l’uso di farmaci specifici (FANS). E di prodotti naturali da applicare localmente.

Post correlati

Lascia un commento