OKSalute.it
Malattie croniche Neurologia Salute

Alzheimer e riscatto polizze assicurative

Alzheimer polizze assicurative

È sempre più frequente, purtroppo, imbattersi in famiglie che hanno a proprio carico un genitore con problemi cognitivi, se non addirittura con Alzheimer.

Ad oggi si contano 600 mila persone in Italia affette da questa pesante malattia, ed il numero nei prossimi anni, purtroppo, è destinato a crescere, visto l’invecchiamento della popolazione.

Il costo stimato per la gestione di questi pazienti è di circa 11 miliardi di euro, di cui circa il 70% rimane a carico dei familiari. Sono questi ultimi, infatti, a sostenere il maggior peso sia economico che assistenziale, compromettendo la stabilità di interi nuclei familiari.

Sono i cosiddetti care giver dal volto sconosciuto, che si trovano ad affrontare una patologia che vede al decadimento cognitivo, un rallentamento di tutte le funzioni normali di una persona.

Per un familiare assistere al progressivo “annullamento” del proprio caro, è un contraccolpo sulla sfera psicologica difficile da sostenere.

Soprattutto perché si è lasciati pressochè soli nell’affrontare tutte le situazioni, comprese le questioni assistenziali che si evidenziano con il servizio sanitario regionale, che in alcune aree del paese non sempre risulta essere pienamente efficiente.

A ciò, inoltre, si aggiungono alcune difficoltà legate al patrimonio familiare, alla sua gestione, e soprattutto ai problemi burocratici che possono sorgere.

Sono stati, infatti, segnalati casi in cui alcune compagnie assicurative si sono rifiutate di riconoscere la legittimità a trasmettere agli eredi alcune forme assicurative, anche in presenza di una delega precedentemente firmata dalla persona quando ancora era perfettamente sana di intendere e volere, e che sanciva la volontà di trasmissione delle polizze agli eredi.

Risulta che alcune compagnie assicurative, in maniera paradossale e quasi Kafkiana, hanno richiesto una nuova delega.

Alcuni esperti del settore assicurativo, hanno risposto a queste assurde pretese, rassicurando i familiari dei malati di Alzheimer che è nel loro pieno diritto potere riscattare i certificati assicurativi.

Post correlati

Lascia un commento