OKSalute.it
Gastroenterologia Salute

Il pianto di un neonato può dipendere da una colica. Come riconoscerlo?

Perche un neonato piange?

Ci sono pianti di un neonato di cui non sempre si riesce a scoprirne l’origine

Le coliche nei neonati sono ancora oggi un grande mistero della natura. Spesso qualsiasi pianto che la mamma non riesce ad interpretare si pensa che sia dovuto ad una colichetta. Cerchiamo allora di capire, perchè e molto semplice confondersi tra un mal di pancia, un semplice fastidio o presenza di aria nel pancino.

Da cosa dipende il pianto dei neonati?

I neonati possono piangere per i più svariati motivi: perchè hanno sonno, sete, fame, caldo, freddo, ma anche più semplicemente perchè richiedono il cambio del pannolino ormai sporco o addirittura per il fastidio da parte di un qualsivoglia insetto, e così via dicendo.

Delle tante possibilità a cui pensare, spesso il pianto dei neonati viene confuso e addebitato ad una colichetta.

Entrando nello specifico, quindi, se il neonato rifiuta il cibo (seno materno e/o biberon), è stato lavato, gli abbiamo cambiato il pannolino e magari sostituito anche la tutina, ma niente di tutto questo placa il suo piangere inconsolabile, osserviamolo nei suoi movimenti.

Come riconoscere una colica?

Se il piccolo flette le gambine sino al pancino per poi allungarle con movimenti a scatti, ecco: siamo alle prese con una colica.

Generalmente le colichette sono serali o notturne, quasi sempre verso la stessa ora e di regola scompaiono dopo il terzo mese di età.

Bisogna dire che non esiste ad oggi una soluzione che vada bene per tutti i neonati, ne’ una che funzioni sempre.

Come comportarsi?

come comportarsi quando un neonato piange

Importantissimo, però prima di tutto, è non perdere la pazienza e non innervosirsi.

Durante la colica potrà capitare che il piccolo si attacchi al seno solo per qualche istante per poi ricominciare a lamentarsi.

Proveremo allora a cullarlo, magari anche a pancia in giù, flettergli le gambine sul pancino applicando una leggera pressione.

Bisogna, insomma, mettere in atto tutto quello che l’istinto materno suggerisce, sempre consapevoli che la sofferenza del piccolino è provocata da un qualcosa che, data la sua tenera età non è in grado di dirci.

Potrà anche capitare che il piccolo stremato si addormenti per risvegliarsi dopo poco ricominciando a piangere. A volte ciò può durare ore.

È, tra l’altro, importante anche agire sull’alimentazione della mamma, perchè alcune sostanze potrebbero essere la causa delle colichette.

Tra queste vi è la caffeina, le bevande contenenti dolcificanti artificiali o addirittura il latte vaccino o gli stessi cibi che lo contengono.

Per i neonati allattati con il biberon, bisogna stare attenti affinchè non ingerisca aria che è presente all’interno della bottiglietta.

Post correlati

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE