OKSalute.it
Cardiologia Oncologia Salute

Colesterolo nel mirino: scatena meccanismo che promuove il cancro

Corriere della Sera Salute

Un po’ come in una reazione a catena sembra fungere da interruttore iniziale che avvia una serie di processi cellulari posti in relazione con l’insorgenza di vari tipi di tumori

Tutti sanno che il colesterolo, almeno quello cattivo, può causare malattie cardiache e danni alle arterie. Ora ricercatori americani, in uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communications, delineano un nuovo ruolo negativo di questo grasso: sembra infatti che attivi un sistema di segnalazione cellulare collegato con lo sviluppo di un tumore. Come un «interruttore», insomma, il colesterolo attiverebbe una reazione a catena a livello cellulare che porterebbe all’insorgenza del cancro.

Diete ad alto contenuto di grassi

Le cellule utilizzano migliaia di sistemi di segnalazione che le portano a svolgere le loro funzioni, come quello che ne promuove la crescita e la divisione e che, quando diventa iperattivo, può portare alla formazione del cancro. I ricercatori dell’Università dell’Illinois di Chicago, guidati dal professore di chimica Wonhwa Cho, hanno ora scoperto che quando il colesterolo è associato a una determinata proteina (chiamata Dishevelled) diventa una componente essenziale per questo sistema di segnalazione pericoloso: attiva infatti una cascata molecolare nota per essere legata alla genesi di certi tumori, tra cui quello al colon, ai polmoni, al seno e il melanoma. Hanno inoltre notato che un aumento localizzato di colesterolo all’interno della membrana cellulare sembra favorire questo processo, un fatto che potrebbe spiegare perché il colesterolo elevato aumenta il rischio di cancro. «Sappiamo che le diete ad alto contenuto di grassi che aumentano i livelli di colesterolo sono state collegate a un’elevata incidenza di tumori – dice Cho -. La nostra ricerca fornisce una spiegazione di come il colesterolo possa promuovere percorsi che portano al cancro e offre (se verrà confermata) anche un possibile bersaglio terapeutico, per la creazione di un farmaco che interferisca nel legame fra colesterolo e la proteina Dishevelled».

Post correlati

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE