Specialistica ambulatoriale e riabilitazione: forum a Napoli

Fonte: Il Denaro.it di

Specialistica ambulatoriale: ecco la seconda gamba su cui cammina il progetto di riordino della Sanità regionale. Un settore che, sul versante territoriale accreditato, viaggia col freno tirato. Liste di attesa, calcolo del fabbisogno assistenziale annuo, revisione in itinere della domanda di salute della popolazione (in particolare sul territorio casertano) afferente al comparto della Riabilitazione e del sociosanitario. Questi i nodi da sciogliere che saranno affrontati nel forum dibattito promosso da Aspat Campania e in programma domani all’Hotel Vanvitelli a San Nicola La Strada. Invitati il presidente della Regione e commissario ad acta per la sanità campana Vincenzo De Luca, il sub commissario Claudio D’Amario, i vertici dell’assessorato regionale e della direzione della salute della Regione Campania, il direttore generale della Asl di Caserta, il presidente della Quinta commissione Sanità del Consiglio regionale, i consiglieri regionali della Provincia di Caserta, i presidenti delle Associazioni di categoria maggiormente rappresentative oltre che i responsabili dei Sindacati provinciali dei lavoratori e i referenti degli Organismi nazionali di tutela dei diritti del malato ed Associazioni dei familiari. “Le difficoltà nella programmazione sul territorio della Asl Caserta indotte dalla ben nota sottostima del fabbisogno di prestazioni – avverte Pier Paolo Polizzi, presidente di Aspat Campania – che si riverbera sui volumi di assistenza assicurati per la tutela e la garanzia dei Livelli essenziali di assistenza (Lea) hanno come cartina di tornasole le lunghissime liste di attesa che da un anno, per richiesta del commissario ad acta, devono essere per obbligo contrattuale degli erogatori, monitorate e comunicate periodicamente alle Asl nei vari setting ambulatoriale, domiciliare e residenziale. Dalle risultanze di questo lavoro di verifica e monitoraggio scaturiscono oggi le proposte della Sanità privata accreditata casertana da presentare alla preposta Commissione tecnica regionale sul fabbisogno assistenziale che sta operando, dalla primavera scorsa, presso la Direzione generale per la Tutela della salute. Tutte proposte scaturite dal lavoro svolto direttamente e quotidianamente in trincea, nei diversi territori della Asl di Caserta e ispirati ai principi di equità, parità, obiettività, sostenibilità e ragionevolezza.

Lascia un commento

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE