Napoli, Ospedale San Giovanni Bosco: rivoluzione nel pronto soccorso. Per i pazienti smistamento informatizzato

Fonte : Il Denaro –

Ha aperto stamattina il triage dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli. Il nosocomio napoletano non aveva mai avuto un sistema di prefiltraggio e assegnazione dei codici nell’area dell’emergenza. Da stamattina eè stato messo in funzione il sistema del triage con i medici e gli infermieri specializzati che assegneranno i codici in base alla gravità delle patologie dei pazienti in arrivo. Lo smistamento dei pazienti in arrivo è informatizzato, con la visione dei tempi di attesa e l’indice di affollamento che saranno su un display che verrà montato domani. Nel pronto soccorso, spiegano i responsabili, è stato istallato anche un sistema di 12 telecamere ad alta definizione che servirà da deterrente per chi vorrà assumere comportamenti violenti che spesso si verificano nei reparti di emergenza quando le famiglie dei pazienti contestano l’attesa dovuta al codice che e’ stato assegnato. Al pronto soccorso del San Giovanni Bosco lavorano 39 infermieri e ci sono quattro squadre da cinque medici che si alternano nei turni. Il San Giovanni Bosco e’ stato nei mesi scorsi al centro di diversi casi di malasanità, in particolare per la presenza documentata da video di formiche in diversi reparti. I dirigenti dell’Asl hanno denunciato che gli insetti erano stati attirati nella struttura per creare clamore mediatico. Il rilancio dell’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli “e’ una sfida e le sfide si iniziano a vincere abbattendo i simboli. Il San Giovanni Bosco lo era diventato”, afferma all’Ansa Ciro Verdoliva, commissario straordinario dell’Asl Napoli 1, commentando l’avvio del triage al pronto soccorso. “Avviamo da oggi il triage – afferma – con le stesse risorse umane: al momento non è stato integrato altro personale ma lo faremo prossimamente. Oggi ci siamo riusciti grazie alla disponibilità degli operatori, anche loro volevano dare un segnale forte di rinascita dell’ospedale e sono protagonisti di questo cambiamento, la loro disponibilità è stata tale che ci ha permesso di aprire il triage al pronto soccorso”. Soddisfatto dell’avvio del sistema di assegnazione dei codici anche il direttore sanitario dell’ospedale Roberto Rago: “Si parte – afferma – dalla semplice attuazione delle regole che esistono e bisogna metterle in essere anche qui. Stiamo facendo velocemente tutto il necessario per rendere il san Giovanni Bosco un ospedale in cui si rispettano le regole, stiamo togliendo le insegne abusive, il parcheggio e’ aperto ai pazienti senza pagare, abbiamo installato i distributori automatici di caffè e bevande in attesa che riapra il bar e finalmente parte il triage. Non è un atto banale, perché questo ospedale non l’ha mai avuto. Il commissario Verdoliva ha preso l’impegno di inviare nuove risorse umane nelle prossime settimane e sono sicuro che manterrà la promessa”.

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE