OKSalute.it
Benessere Cura della pelle

L’Abc del benessere e il ruolo dell’estetista

il benessere e il ruolo dell'estetista

La cura del corpo è una forma di amore che si riserva a se stessi, nel nome di un concetto più ampio: quello del benessere. Inteso come un intreccio positivo di attitudini che sono fisiche e psicologiche.

Sentirsi belli ed essere i nostri primi sostenitori può rappresentare uno spartiacque importante nel corso della vita: un ‘prima’ e un ‘dopo’ questa presa di consapevolezza, che naturalmente comporta tutta una serie di implicazioni positive a livello umano e di carattere.

Il centro estetico diventa così il luogo ideale deputato a questo cambiamento, dove è presente una figura cruciale ovvero quella dell’estetista.

Molto più di una semplice artigiana, poiché si tratta di una professionista che possiede distinte competenze e conoscenze ad esempio nel campo dell’anatomia o della struttura della pelle: è qui che il suo lavoro si concentra.

Ecco perché la formazione è tutto, il personale del centro estetico deve sempre essere in grado di affrontare qualsiasi sfida con strumentazioni e tecniche all’avanguardia: soluzioni da progettare con Oz Training Solutions, team specializzato proprio nell’ambito della formazione professionale.

Anche perché è in costante crescita la necessità di una diffusione sempre più capillare di macchinari hi-tech e innovative tecniche pensate e calibrate sul ‘pianeta beauty’. Il motivo è presto detto: aumentano i servizi richiesti e si allarga anche la casistica.

A metà strada tra bellezza, psicologia e medicina

Ci sono molte variabili che possono mettere ogni giorno a dura prova la nostra cute: dallo stress sul lavoro agli agenti atmosferici passando per stili di vita e abitudini alimentari errate.

Ma anche la forma del corpo è importante, specie quando si fa strada il desiderio di volerla ritrovare: l’ideale sarà ricorrere a una tecnologia multifunzione come ‘Omnia’ che permette il rimodellamento e il ricompattamento del corpo e della pelle del viso: un metodo del tutto indolore il quale, con un ridotto numero di sedute, assicura di far ritrovare la linea andando a ridurre il grasso localizzato.

L’obiettivo è incrementare in particolare la circolazione sanguigna locale, con un occhio di riguardo al drenaggio linfatico.

Alla fine si creerà nuovo collagene, che permetterà alla pelle di apparire più giovane e compatta. Un bel sorriso, incorniciato da un volto radioso, completerà poi al meglio il biglietto da visita da spendere nei rapporti e negli impegni di tutti i giorni.

L’estetica si pone l’obiettivo di andare a intervenire in un’area ibrida, a metà strada tra bellezza e medicina ma anche psicologia.

Il fatto stesso di andare dall’estetista è già l’inizio della sensazione di relax, inoltre è in grado di stimolare l’accettazione a livello sociale e la condivisione del sé.

Con una sponda importante, rappresentata dalla professionalità e dalla serietà degli operatori: l’empatia incontra la consulenza.

Le richieste (e i risultati) possono riguardare esclusivamente un miglioramento complessivo dell’aspetto esteriore oppure anche una sfera d’azione più prettamente terapeutica, in relazione a determinate patologie.

La cura dell’aspetto fisico, insomma, non è affatto un sintomo di leggerezza ma molto spesso – anzi – di profondità. Perché se c’è una persona che potrà accompagnarci lungo tutta la vita siamo proprio noi stessi: nel nome di un avvenire quanto più possibile sereno.

Post correlati