OKSalute.it
Benessere Prevenzione Stile di vita

L’importanza di una casa accessibile, accogliente e senza barriere architettoniche

Casa l'importanza dell'accessibilità

Riuscire a mantenere sempre alta la qualità della vita all’interno della propria abitazione – a prescindere da quale fase si stia attraversando – è un presidio di benessere assoluto. Il concetto di accessibilità si lega a doppio filo a una tematica attuale e caldissima, ovvero quella delle barriere architettoniche. Un tema che interessa una fetta ampia della popolazione, in particolare disabili e persone anziane o che comunque stiano per raggiungere la soglia ‘critica’ dei 70 anni. Troppo spesso gli ostacoli ai movimenti sono presenti nei contesti domestici ma anche nei luoghi di pubblico accesso come scuole, banche e musei ma non solo. E’ importante riuscire a interpretare i bisogni di ciascuno inserendo i necessari ausili e accessori, evitando così ripercussioni da un punto di vista sia pratico che psicologico sia per la persona anziana che per quella disabile.

Accessibilità e home design: un cambio di prospettiva

Quello di accessibilità, applicato al contesto domestico, è un concetto articolato e che si lega a doppio filo alle regole di home design. Sì, perché nei confronti degli accessori deputati al relax e al benessere di ciascuno c’è stato un importante cambio di prospettiva. Da elementi estranei all’arredo di casa, ne sono diventati accessori irrinunciabili. Il livello di personalizzazione che è possibile mettere in atto è sempre più alto, sia che si debbano scegliere le poltrone relax per il soggiorno sia che si decida di progettare un mini ascensore da integrare nell’appartamento, così da facilitare gli spostamenti. Le poltrone relax reclinabili sapranno offrire un surplus di benessere a tutti gli abitanti della casa e risultano essere l’accessorio più apprezzato per agevolare la mobilità degli anziani.

L’ingresso, il corridoio e gli spazi di comunicazione

C’è un gesto che può essere considerato come un sinonimo di libertà: entrare e uscire dalla propria casa – luogo personalissimo e del cuore – vivendone con serenità gli spazi è una fondamentale esigenza per ciascuno. Agire migliorando il comfort complessivo nelle stanze consente un’esperienza sempre al top. Quando arriva il momento di adeguare gli spazi perché cambiano le necessità del quotidiano, ci sono alcune regole da applicare innanzitutto a quelle aree ‘altamente trafficate’ come ingresso, corridoi e spazi di comunicazione. Naturalmente bisogna tenere presente l’importanza di ridurre l’impatto delle barriere architettoniche – un semplice gradino o un minimo dislivello possono esporre a rischi importanti – e occorre ritagliare nella zona soggiorno uno spazio deputato al relax in sicurezza.

Luci di sicurezza, poltrone relax e infissi saliscendi

Corridoi e spazi di comunicazione – per esempio i disimpegni – devono essere lasciati liberi, senza oggetti in grado di impedire o rendere complicato il passaggio. No ai mobili con gli angoli sporgenti e ai cavi elettrici sparsi a terra, sì a luci lungo i battiscopa.

In salotto la scelta tra le poltrone relax elettriche avverrà assieme a quella di accessori irrinunciabili come il cuscino lombare oppure il poggiatesta anatomico. Questa seduta ricca di comfort è in grado di interpretare il bisogno di tranquillità e sicurezza: le poltrone relax ergonomiche in questo senso rappresentano la migliore scelta possibile. Per quanto riguarda poi i prezzi delle poltrone relax, il range naturalmente varia in relazione a materiali, accessori e servizi di comfort: si va dai 300 euro fino a superare i mille.

Argomento finestre: meglio sostituire le ante a battente con infissi saliscendi, magari con comandi elettrici. Per gli armadi, invece, si potranno evitare sforzi inutili scegliendo portali a scomparsa e a scorrimento. In generale, la domotica con la sua regia centrale e il controllo dei vari sistemi elettrici ed elettronici potrà offrire un aiuto importante nell’adeguamento della casa.

La mappa degli interruttori e il relax in camera da letto

La scelta del letto e in particolare le sue dimensioni (bisogna riuscire a girarci intorno senza difficoltà) saranno elementi cruciali per consentire movimenti corretti nella stanza. I cassetti dei mobili dovranno essere facilmente raggiungibili, dunque non dovranno trovarsi a un’altezza superiore ai 120 cm e comunque non troppo in basso (meglio se con guide scorrevoli e fermi).

Per gli anziani e i disabili che si spostano su una carrozzella è importantissimo essere autonomi nei piccoli grandi gesti di routine. Ecco perché il citofono, per esempio, dovrà essere posizionato a un metro di altezza o poco più mente i vari interruttori dovranno stare tra i 50 e i 130 cm. In bagno il lavabo non dovrà presentare la colonna, per consentire alla carrozzella di avvicinarsi correttamente, inoltre i sanitari dovranno prevedere per lo stesso motivo uno spazio di 80 cm davanti e 100 lateralmente.

Post correlati