OKSalute.it
Benessere Prevenzione Terzo Settore

Abbattimento delle barriere architettoniche: piattaforme elevatrici e altre soluzioni per l’accessibilità

Scale, angoli,dislivelli sono elementi che fanno parte di quasi tutte le abitazioni e gli edifici pubblici. Spesso passano inosservati alla maggior parte della gente, ma per chi ha problemi di mobilità, dovuti all’età o a una disabilità, possono diventare ostacoli insormontabili.

Con l’innalzarsi dell’aspettativa di vita e il conseguente aumento dell’età media, le barriere architettoniche sono diventate sempre più un problema che coinvolge una parte consistente della popolazione. Anziani e disabili, categorie già a rischio di esclusione sociale, finiscono così per vedere maggiormente limitato il loro diritto all’accessibilità.

Come si può ridurre l’impatto che questi ostacoli hanno sulla vita di tante persone?

Barriere architettoniche: Montascale e Servoscala per anziani e disabili

Per fortuna in commercio esistono tantissime soluzioni che permettono il superamento delle barriere architettoniche, rendendo ogni abitazione o edificio pubblico un posto in cui ogni persona può muoversi liberamente. Vediamo insieme i diversi tipi di dispositivi per migliorare la mobilità.

Elevatori per disabili: pedane e piattaforme elevatrici

 Le pedane o rampe per disabili costituiscono uno strumento che, pur nella sua semplicità, può migliorare notevolmente la vita di una persona disabile in carrozzina. Si tratta però di soluzioni che non possono applicarsi a dislivelli superiori a 3,20 m e che devono rispettare precisi standard sia per quanto riguarda la larghezza minima, sia per quanto riguarda la pendenza della rampa.

Nei casi in cui le pedane per disabili non siano idonee a garantire l’adeguata accessibilità a un condominio o edificio pubblico è necessario ricorrere ad altre tipologie di impianti per il superamento delle barriere architettoniche. Le piattaforme elevatrici, ad esempio, sono una soluzione ideale per il superamento di piccoli dislivelli (fino a 3 metri), perché permettono la piena autonomia della persona che si muove in sedia a rotelle.

Le piattaforme, o pedane elevatrici, sono impianti di sollevamento verticale che, a differenza degli ascensori, non hanno una cabina ma un cestello con delle protezioni laterali che garantisce il sollevamento, in piena sicurezza, del disabile in carrozzina o della persona con difficoltà motoria. La portata di questi elevatori è generalmente consistente (fino a 400 kg), in modo da consentire il trasporto della persona in sedia a rotelle più un eventuale accompagnatore.

Le piattaforme elevatrici possono essere installate sia all’interno che all’esterno degli edifici e possono essere dotate di un  vano aperto o chiuso.

Montascale e Servoscala per anziani e disabili

Tra gli altri dispositivi per il superamento delle barriere architettoniche abbiamo anche i Montascale o Servoscala.

In entrambi i casi si tratta di impianti pensati per il superamento di una o più rampe di scale. A differenza delle piattaforme elevatrici, i montascale sono dotati di un dispositivo (a poltroncina o a pedana) fissato sulla scala da superare, nel caso dei montascale fissi, o dotato di un trattorino elettrico nel caso dei montascale mobili.

Generalmente, i montascale a poltroncina sono maggiormente indicati per gli anziani, mentre i servoscala a pedana o piattaforma sono l’ideale per permettere il superamento di una scala in piena autonomia ai disabili in sedia a rotelle.

Per quanto riguarda i montascale mobili si tratta di dispositivi a cingoli o ruote che, non necessitando di installazione, sono immediatamente pronti all’uso, si adattano a qualsiasi tipo di scala e possono facilmente essere spostati in caso di trasloco. Tuttavia non permettono la piena autonomia della persona disabile, in quanto per funzionare hanno bisogno di un accompagnatore formato, che utilizzi il montascale mobile per trasportare la persona.

Post correlati