OKSalute.it
Alimentazione Alimentazione e Sport

Dieta mediterranea, scudo contro l’inquinamento

Dieta mediterranea contro inquinamento

E’ quanto emerso da uno studio portato avanti alla New York University e che è stato oggetto di presentazione nel corso del meeting della American Thoracic Society

Che la dieta mediterranea fosse salutare, è un fatto ormai consolidato ed acquisito. Ma che avesse anche un effetto sulla protezione dall’inquinamento atmosferico è una notizia recente. Probabilmente perché attiva meccanismi di protezione sul sistema cardiovascolare, dovuto all’effetto antiossidante degli alimenti di base della  dieta mediterranea. Ciò è quanto emerso da uno studio condotto presso la New York University e presentato a San Diego, nel corso del meeting della American Thoracic Society (ATS).

Dieta mediterranea efficace contro inquinamento

Lo studio

Lo studio ha preso in considerazione oltre 500 mila persone che nel momento in cui è iniziato avevano un’età media di 62 anni. La durata della ricerca è stata di 17 anni. Le persone sono state suddivise in cinque gruppi, in base alla loro aderenza a consumare prodotti tipici della dieta mediterranea. Ad ognuno di questi gruppi era associata una stessa area e grado di esposizione all’inquinamento ambientale e allo smog. Il risultato finale è stato di oltre 12 mila morti. Con una maggiore prevalenza nelle aree più inquinate. Ma in queste stesse aree è stato constatato un minor numero di persone morte tra quelle che avevano mangiato più cibi a base della dieta mediterranea. Quindi che avevano consumato alte quantità di frutta e verdura, legumi, pesce, olio di oliva, carne bianca. E consumato limitate porzioni di cibo cosiddetto spazzatura e carne rossa.

I risultati

Nello specifico i ricercatori hanno constatato come i casi di mortalità per infarto aumentavano del 20% per un aumento dell’inquinamento pari a 10 unità di volume di particolato fine tra coloro che non seguivano la dieta mediterranea. Mentre la mortalità scendeva al 5% a parità di inquinamento, tra coloro che erano ligi a seguire i dettami della dieta mediterranea.

Sono stati valutati anche il numero di decessi per infarto dovuto alla stessa quantità di esposizione all’inquinante biossido di azoto (NO2). Anche in questo gruppo si è potuto constatare che si sono avuti più morti (12%) tra coloro che non seguivano la dieta mediterranea. Rispetto al 4% dei morti tra quelli che invece mangiavano prevalentemente i cibi propri della dieta mediterranea.

Dieta mediterranea pesce verdura contro inquinamento

Quali le possibili cause
Probabilmente le ragioni sono da ricercare nell’effetto antiossidante presente negli alimenti tipici della dieta mediterranea. Infatti, a parere dei ricercatori, la frutta, le verdure, i legumi, gli ortaggi, l’olio di oliva, il pesce, sono una fonte naturale di vitamine e molecole antiossidanti. Questi andrebbero a svolgere un ruolo di barriera agli effetti dannosi dei radicali liberi prodotti dall’organismo in seguito all’esposizione agli elementi nocivi dell’inquinamento da smog.

Il risultato di questo studio va a confermare quanto già emerso da ricerche antecedenti. Fra queste, emerge un’analisi su 100 lavoratori di un’acciaieria di Milano. I lavoratori erano molto esposti a polveri sottili quali i PM10 e PM5. Questi inquinanti, si è visto, che hanno la capacità di abbattere di oltre il 50% il livello di vitamina E presente nel sangue dei lavoratori. E contemporaneamente alzano il livello di una proteina legata allo stress ossidativo delle cellule. La analogia con lo studio fatta dai ricercatori americani è quella di proporre l’uso della dieta mediterranea a tutti i lavoratori esposti agli inquinanti atmosferici. In questo modo si ridurrebbe il rischio di malattie ad essi collegati.

Post correlati